DESCRIZIONE DEGLI ASPETTI PLANETARI

 

La Congiunzione é l’inizio del ciclo tra due pianeti e può essere positiva o negativa, come detto, in relazione agli aspetti con gli altri pianeti.

Alla Congiunzione comunque generalmente fa seguito un prezzo minimo del mercato.

 

La Semiquadratura invece é un aspetto piuttosto veloce perché l’orbita é limitata ma risulta fortemente negativo quando sono coinvolti i pianeti lenti.

In particolar modo gli aspetti di Semiquadratura tra Giove, Saturno e Urano danno luogo a ribassi brevi ma particolarmente vistosi in termini di prezzo.

Ricordiamo la Semiquadratura Giove-Urano dell’estate 1998.

 

Il Sestile é un aspetto molto armonico e porta distensione.

E’ dotato di una certa forza anche negli aspetti tra i pianeti veloci; a maggior ragione lo é sopratutto per i lenti.

Ricordiamo il prolungato sestile Saturno-Urano di fine1995-1996-1997 che ha innescato la lunga ascesa del mercato americano.

 

La Quadratura é un aspetto dissonante e quindi negativo.

Corrisponde ad esempio al primo quarto di Luna e al primo angolo di 90° dello zodiaco.

Tale aspetto porta generalmente ad una contrazione del mercato che si verifica in modo graduale ma costante.

Quando si verificano Quadrature tra i pianeti lenti abbiamo i periodi di recessione, specialmente quando sono coinvolti Giove, Saturno e Urano.

Ricordiamo ad esempio la quadratura Giove-Saturno del 1995-96

per i mercati europei e l’ultima quadratura Saturno-Urano del 1999-2000-2001 che ha interessato sopratutto i mercati americani.

Nel breve periodo le quadrature della Luna e del Sole ci forniscono ottime informazioni sulla tendenza.

 

 

Il Trigono é l’aspetto positivo più importante.

Il Trigono é il triangolo, la piramide, l’insieme delle forze armoniche convergenti.

Quando si verifica tale aspetto il movimento ciclico ascendente diventa estremamente espansivo.

Nelle fasi discendenti il Trigono porta comunque ad un miglioramento della situazione.

In termini di movimenti di prezzo molte volte é più efficace il sestile.

Il Trigono tra pianeti lenti porta comunque a fasi di prosperità (specialmente nelle fasi con movimento ciclico ascendente)

 

Per la Sesquiquadratura (angolo di 135°) vale lo stesso discorso della Semiquadratura.

Per i pianeti veloci tale aspetto non é particolarmente importante ma lo diventa per i pianeti lenti.

Ricordiamo la sesquiquadratura Giove-Saturno del Settembre 1992.

 

Il Quinconce (150°) ha un effetto limitato ma positivo.

E’ la somma di un trigono (120°) e di un sestile (60°).

Sui movimenti dei pianeti veloci non porta praticamente nessun effetto.

 

L’Opposizione é la fase più importante dopo la Congiunzione in quanto a 180° termina la fase ascendente di un pianeta e inizia quella discendente.

Generalmente l’effetto é ritardato rispetto al momento dell’esatta Opposizione così come il Sole non dà il massimo del calore a mezzogiorno ma intorno alle 13 e così come il giorno dell’ingresso nell’estate non coincide con il massimo della potenza solare che si verifica invece a fine Luglio.

L’Opposizione rappresenta sempre un punto di svolta sia nel breve periodo con le Opposizioni della Luna nel suo movimento mensile con gli altri pianeti e sia del Sole, Mercurio e Venere nel loro movimento stagionale e annuale.

Le Opposizioni tra pianeti lenti determinano un forte cambio di direzione.

Ricordiamo l’Opposizione di Giove a Saturno, Urano e Nettuno del Luglio 1990.

 

L’ORBITA DEGLI ASPETTI

Gli aspetti tra i pianeti hanno un orbita di influenza e varia in funzione dell’aspetto stesso e dei pianeti interessati.

Le orbite riportate sono indicative; vale molto di più la pratica e l’osservazione per poter valutare caso per caso.

Congiunzione orbita di 10°

Opposizione orbita di 10°

Trigono orbita di

Quadratura orbita di

Sestile orbita di

Semiquadratura e Sesquiquadratura orbita di